Cosa facciamo

Lo scopo principale è di sviluppare un discorso prettamente tecnico di sostituzione bruciatori a gas e gasolio con altri soffianti a biomasse che possono utilizzare anche il PKS con risparmi straordinari, (vedasi scheda confronto) ed inoltre per portare a conoscenza dei più con analisi e schede tecniche di supporto questo nuovo combustibile biomassa che è quasi sconosciuto ma di sicuro futuro.

RISPARMI effettivi a prezzi rilevati (gennaio 2014)

il Palm Kernel Shell (PKS) è altamente consigliato nelle caldaie a biomasse automatiche in sostituzione dell'ormai carissimo wood pellet (anche industriale) o di altri gusci di nocciola o mandorla e tutta la famiglia di sanse e derivati come il nocciolino d'oliva che hanno raggiunto anch'essi prezzi elevati e non di semplice reperimento per tutti trattandosi di produzioni molto localistiche.

Ottimo sostituto anche dei nuovi AGRO pellet che si affacciano ora sul mercato con miscele dubbie dei componenti e loro % spesso variabili nel tempo che possono avere  un alto contenuto di cenere con effetto clinkerante di queste per i metalli pesanti che contengono.

Come si vede dalla prova di un pellet di girasole, l'aspetto clinkerante delle ceneri e loro bassa T° di fusione portano agli effetti indesiderati di Slagging & Fouling che non sono propriamente un toccasana per i metalli delle caldaie come anche degli scambiatori e/o del sistema fumario.

A chi ci rivolgiamo

Il PKS è altamente consigliato in sostituzione o ausilio calorifico del CIPPATO nelle centrali di teleriscaldamento/cogenerazione o per riscaldare SERRE e capannoni zootecnici di allevamento come anche da utilizzare in caldaie aziendali o condominiali.


Inutile aggiungere che nelle aziende energivore in senso lato sarebbe un NOTEVOLISSIMO risparmio per chi volesse sostituire il bruciatore a gas o gasolio con quelli che noi consigliamo (potenze fino a 2 MW/h) in caldaie che producono acqua calda o surriscaldata come anche vapore per processi industriali: il vostro portafogli vi ringrazierà.



Contatti

www.energiafutura.eu